Feyenoord-Roma 1-2 47′ pt Ljajic, 10′ st Manu, 12′ st Gervinho

1 marzo 2015

Vermeer 5,5 – diciamo che gli va un tantinello bene perché ne potrebbe prende 4. Secondo me un po’ rosika che i suoi tifosi riservino la banana gonfiabile solo a Gervinho;

Boulahrouz 5 – menomato fisicamente, parecchio brutto, vive in una città portuale la cui unica cosa bella sono delle casette cubiche. Lui viene dal Chelsea, stava a Londra, giochicchiava, quindi c’aveva pure il tempo per pagare per il sesso. E ora, chi ci pensa a Boulahrouz?
Van Beek 5,5 – mi sembra un pelo mejo dei compagni de reparto, qualche buona uscita, ma sembra legnoso;
Kongolo 5 – ah questo è uno che aveccelo sotto l’occhi tutte le settimane te po’ regalà grasse risate;
Nelom 5 – sbaja du vorte la linea, poi te lo ritrovi na vorta a centrocampo e te chiedi chi è che presidia la fascia? E infatti il suo dirimpettaio è il migliore;
El Ahmadi 6,5 – il Feyenoord è na squadra de fii de na mignotta, sempre a urlà e a provocà e a gesticolà. Poi ce sta questo che sembrerebbe appena uscito da un video dell’Isis che invece sembra na personacina per bene; gioca pulito, se entra male se scusa, se mette pure le pattine prima de scenne ncampo;
Clasie 6,5 – bella faccia da fio de na mignotta, urla, scalcia, bestemmia pure Calvino, però è qualità e quantità, disegna pure geometrie, ma secondo me se trova più a suo agio a scaricà i container al porto;
Toornstra 6,5 – subito un affondo e un assist per Kazim. Anche lui unisce la qualità alla quantità, ha pure un discreto piede sulle punizioni ma lui lo usa solo per stimolare lo scroto a De Rossi sul quale compie un paio de entratacce;
Vilhena 4 – francamente non pervenuto. Se chiama Trinidade ma io non lo vedo manco na vorta;
Kazim-Richards 5 – fa lo splendido. Se dà daffà: spigne, arruffa, bestemmia in turco e pure in ibglese, insulta Yanga-Mbiwa, poi, durante uno di questi soliloqui sgarbiani, se strappa la chiappa e schiatta a terra. Poche cose mi hanno dato libidine nella vita come vederlo uscire dal campo rotto;
Karsdorp 5 – un terzinaccio messo a fa l’esterno alto. Poi dicono a noi che semo catenacciari;
Te Vrede 4 – Té verde è troppo nervoso e innervosisce pure l’arbitro e se fa caccià; 
Manu 6,5 – molto pericoloso, entra e con la sua velocità mette in crisi la Roma. Fortuna nostra che predica nel deserto; 
Achahbar sv- pure lui mena e arruffa ma ce lo sgrulla pesantemente;
Rutten
Skorupski 6,5 – fa un paio di belle parate, soprattutto tra i pali, magari quando può allungarsi però nelle uscite ne combina sempre una, anzi, malgrado la prepotenza fisica che lo contraddistingue, fatica a farsi rispettare;
Torosidis 7 – una vittoria che porta la sua firma. Spinge forte sulla fascia. Dai suoi cross nascono i due gol: soprattutto il secondo è un gioiello, manco Gervinho può sbagliare;
Manolas 6,5 – gnente je sposta i capelli manco Tsipras;
Yanga-Mbiwa 6 – una cosa è certa: non chiederà l’amicizia su Facebook a Kazim;
Holebas 6,5 – salva al 12′ su Karsdorp. Poi e un costante dito nel culo di Rutten, quando parte non sembrano in grado di fermarlo, ma il greco se ferma da solo; 
Pjanic 6 – prima del caso banana spreca una clamorosa occasione. Poi sparisce, ogni tanto appare, come in occasione del 2-1, quando ruba ina bella palla e scatena il Toro greco;
De Rossi 6,5 – primi due passaggi sbagliati. Poi non sbagli più, garantisce copertura;
Keita 6 – si muove felpato, ma dovessi dire quello che ha fatto per la squadra… Probabilmente è bravissimo nel moonwalk;
Ljajic 6,5 – fino al gol è fuori posto. Poi segna, fa quell’esultanza tutta per Gervinho, sembra ritrovato. Tra l’altro, se non segna lui, non segnamo;
Totti 6,5 – due occasioni in due minuti prima il pallonetto poi il palo su punizione. C’è ancora il tocco di genio, ma soprattutto si sacrifica in copertura e per offrire uno scarico ai compagni;
Gervinho 6,5 -se magna subito na possibilità, pronti e via. Sembra in ripresa;
Nainggolan 5,5 – nei pochi minuti e disposizione va più a vuoto che altro;
Iturbe sv – nonché si vede più di tanto però parte in un paio di affondi interessanti per uno che si era fatto tanto male quasi un mese fa;
Paredes sv – entra la posto di Totti;
Garcia 6,5 – stavolta, tutti i suoi auspici vanno a buon fine, pure tutti quegli “Andiamo”, “Vai vai vai”, “Francesca tojete le mutande che arivo a festeggià”. 

Verona Roma 1-1 26′ Totti, 39′ Jankovic

22 febbraio 2015

Benussi 6,5 – blocca tre-quattro situazioni, non che lo avessimo sottoposto a chissà quale tiro a segno…;
Pisano 5,5 – se chiama Eros e Cole, che a casa sua è stato un discreto sciupa femmine, cerca de dasse da fa e lo prende spesso da dietro;
Moras 6 – il mattone più grosso del muro di Mandorlini;
Marquez 5,5 – qualche incertezza ma non è bastato;
Brivio 5,5 – i compagni vedono che Florenzi lo mette in difficoltà e lo azzoppano;
Ionita 6 – randella e gioca poco la palla, più che altro usa la pala per scavare la trincea;
Tachtsidis 6 – pure lui mattoncino;
Halfreddson 6,5 – pure lui dopo 3 minuti prova ad ammazzare Florenzi. Siamo in italia e lui è ancora a piede libero. Però è l’unico del Verona che cerca anche di attaccare lo spazio giallorosso. Al 62′ ci grazia quando sbaglia l’apertura in un facile contropiede 3 contro 3;
Juanito G. 5 – terzino aggiunto, si vede quando esce dal campo
Toni 7 – Marta lo tiene a stecchetto, come può se abbraccia De Sanctis, tutta la carica sessuale la scarica in contrasti e spallate ai difensori della Roma. La cosa comica – e che la dice lunga sul momento Roma – lui, 38 anni, da compiere, vince tutti i duelli fisici nel secondo tempo, Manolas non lo tiene più;
Jankovic 6,5 – con noi ha il dente avvelenato e lo lima quando si avvicina la partita con la Roma. Dopo un minuto e 40 secondi tenta un’operazione a cuore aperto a Keita. Ovviamente ce purga ancora, 3 dei suoi 19 gol in A li ha fatti a noi. Se non è accanimento questo;
Obadi 6 – lui o gli altri difensori del Verona, fanno veramente poca differenza;
Greco sv – in questo pomeriggio demmerda ce mancava solo er gol dell’ex;
Lazaros sv – questo c’ha er cognome che pare na bestemmia “Cristodeli mejomortaccitua”;
Mandorlini 6,5 – complimenti, bel catenaccio. Almeno negli ultimi 20 ci potevi provare di più, te portavi a casa 3 punti. E grazie per tutto il pesce;

De Sanctis ng – io non è che vojo fa er piagnone ma che cazzo de sfiga. Prendiamo un gol con mezzo tiro in porta, insomma un pelo de (s)figa ce sta pure. E che chezzo;
Florenzi 6,5 – bello spunto sulla fascia al 31′ con assist per Ljajic. Poi ce lo azzoppano e me resta l’impressione che fosse stato il migliore in campo;
Manolas 5 – al 23′ sfiora il gol di testa. Ogni volta che ha la palla tra i piedi toglie il dubbio su quanto sia impedito. Poi, più va avanti la partita, più soffre i duelli fisici con quel 38enne di Toni, se fa pijà per il culo, se fa girà ntorno, ce manca solo che je offre un po’ de Feta de culo vicino all’osso;
Astori 6 – capisce con ritardo – o forse glielo dice Garcia nell’intervallo ma ce sarebbe dovuto arrivà da solo – che er Verona gioca er 9-0-1 e che Toni (dovrebbe) tenello Manolas (anche se poi nun ce riesce) quindi lui se sposta in pianta stabile nella metà campo gialloblu. Non che serva a molto;
Cole 6,5 – di incoraggiamento: al 18′ st un bell’affondo sulla sinistra. Finisce in crescendo;
Nine gol Anna 5 – ha la cresta moscia e tutta pettinata da un lato: cerca de fasse la riga da na parte co na striscetta de capelli mesciati, è il simbolo della confusione nella testa dei giocatori della Roma. Al 10′ bel tiro di sinistro da fuori. Qualche recupero, niente più;
Keita 6 – gara onesta;
Pjanic 4 – al 21′ st sbaglia un passaggio a Gervinho e poi se ferma a metà campo a guarda i cartelloni pubblicitari del Bentegodi che augurano “buon compleanno” a Luca Marangoni. E io che urlo da solo contro il televisore “Ma che cazzo te fermi? Li mejo mortacci tua”. Quando esce è in bianco e nero che sembra de sta dentro Pleasantville;
Ljajic 5,5 – al 9′ bello spunto, serve una buona palla a Gervinho che cicca il controllo. Al 12′ esce dai blocchi di una punizione di Pjanic, ma tira su Benussi. Al 31′, su inserimento di Florenzi, tira al volo alto di poco. Poi al 35′ addirittura se mprovvisa terzino al posto di Florenzi, e fa pure na bella chiusura su nun me ricordo chicazzo. Pija pure na traversa al 40′. Nel secondo tempo non pervenuto, non l’ho visto più, j’ho dato un corpo de telefono ma gnente, “l’utente selezionato non è al momento raggiungibile”;
Totti 6,5 – quinto gol in carriera al Verona, qualche giocata, ma è legnoso, ma almeno il motivo so i reumatismi della vecchiaia, mica er cazzo moscio come per i compagni;
Gervinho 4,5 – al 9′ cicca il controllo e se magna un gol che li mortacci tua. Al 19′ una splendida serpentina ma sbaglia l’assist per Totti. Secondo tempo? Telefono spento, lo deve aver lasciato sul balcone de Giulietta;
Torosidis 6,5 – al 6′ st tre salvataggi consecutivi. Er più svejo con Cole del pacchetto arretrato, se vede che ha cambiato er piano tariffario per essere sempre raggiungibile;
Doumbia 4 – come mi nonna, lui er telefonino nun ce l’ha proprio, lu’ telefonano ma manco squilla;
Verde 5 – be, appena ntrato, prova a fasse er crociato tentando 17 doppi passi su un filo d’erba recitando Capitano, Mio Capitano, il tutto pe tirasse fori da sto pianto greco. Nun ce riesce, prendesse ripetizioni da Strootman;
Garcia 6 – probabilmente tutto è inficiato dall’assoluta mancanza di spunto dei singoli ma mi chiedo come, dopo tre messi che troviamo avversari in 9 in area di rigore, non si sia mai visto un tentativo di cambiare il canovaccio del fraseggio orizzontale sulla trequarti avversaria.

Cagliari Roma 1-2 Ljajic, Paredes, M’Poku

9 febbraio 2015

Brkic 5,5 – dorme duro sul gol di Paredes ma c’è da capirlo: aveva dormito per tutta la partita;
Gonzalez 5 – lui è un centrale ma Zola lo mette a destra, lui stringe al centro perché non si ritrova proprio nella destra sciovinista di questa Itaglietta. È uno dei centomila Gonzalez arrivati in Italia col gommone o col pallone: visto il casino in serie A pensate alla gazzarra in carcere;
Rossettini 6 – Ambrosini si umilia cosi per lui: “Rossettini appoggia il gomito sulla tempia di Totti”. Della serie: aiutame a nun di gomitata, che quello è er Cappetano e me sta sui miei cojoni rossoneri;
Capuano 5,5 – si vede poco, soprattutto sul gol di Ljajic;
Avelar 5 – soffre Torosidis che mette subito i puntini sulle i cercando di fargli sentire i tacchetti, pure lui dorme sull’1-0, passa vicino a Ljajic, gli sussurra “Ti voglio bene” e il serbo senza cuore lo ignora;
Donsah 6,5 – vispo, sfiora il palo al 28st;
Conti 6 – grande intervento su Torosidis al 22′, poi pensa solo a fare muro a centrocampo;
Dessena 5 – mah, non pervenuto;
Joao Pedro 5 – si muove, cerca di lavorare molto tra le linee della Roma;
Ekdal 5,5 – si vede poco, mpoku mpoku;
Cop 4,5 – tre occasioni pronti e via. Al 18′ brucia Yanga-Mbiwa e spara su De Sanctis. Me fa simpatia perché sulle spalle c’ha scritto Nduja. Spalmameselo sulla pizza. E lui per fare fede al suo nome se magna due gol clamorosi, uno lo para De Sanctis, uno lo spara in curva su erroraccio di Mapou. Che dio lo benedica;
M’Poku 6,5 – bravo, il più vivo del cagliari, segna pure mandando de traverso la nduja a Garcia che già se la sognava spalmata sulla sua fidanzata;
Sau sv – fantasma;
Zola 6 – ho l’impressione che si sia limitato a mettere in campo i migliori, senza troppo pippe teoretiche;

De Sanctis 6,5 – al 22 st salva su Cop, dio, ovunque sia, li benedica;
Torosidis 6,5 – pronti via cerca subito di asportare la caviglia di un avversario. Poi ciabatta in corner per sbrogliare una situazione scabrosa. Capisce subito che non c’è da far poesia ma nera follia;
Yanga Mbiwa 5 -se cambia il pannolone proprio mentre Cop si invola verso De Sanctis. Partita di amnesie;
Astori 6 – si fa forza perché il collega è più impippito del solito, ma, diciamocelo,non è che un sassolino può fermare il mare;
Holebas 5 – sembra essere completamente ignorato dai compagni di squadra nel torello, che addirittura vanno a giovarlo nel punto del campo più lontano da lui; mobbing?
Pjanic 5 – sarà tendinopatia, a me sembra una pippiade. Non è che ha scoperto all’improvviso la ciccia baffa romana?
Keita 6 – lucida regia, la sua mobilità è un monumento al Job Act di Renzi;
Nainggolan 5 – gira a vuoto. A un certo punto chiede indicazioni a Conti che cerca de portallo a trombà, tanto per far riprendere colorito alla cresta;
Ljajic 7 – a difendere proprio niente. Se lo ricorda a tratti. Si becca un cartellino su richiesta di Dessena, pensate un po’ quanto semo potenti. Poi segna e je perdono tutto, come al solito;
Totti 5 gioca con un termometro nel culo. Chissà se Vito Scala ha controllato se aveva la febbre:”;
Verde 7 – inizia che se fa quasi er crociato per tentare un doppio passo. Poi scende come una furia e tira deviato in corner. Al 27′ spreca una grande occasione su palla recuperata da Keita. Se ‘nventa il gol di Ljajic e ispira quello di Paredes che, a dire il vero è tutto dell’argentino perche si coordina alla grande e pizzica l’angolo lontano sfruttando anche la stupidità di Brkic che cerca di prendere il tiro con la mano sbagliato;
Sanabria sv – c’ha na faccia da fijo de na mignotta che sembra pronto per imbarcarsi su una nave battente bandiera liberiana;
Paredes 6,5 – segna un gran gol, tanto basta;
Garcia 6,5 – se ricorda dei giovani, è vero, quando proprio non ne può fare a meno ma è soprattutto vero che sceglie i giovani giusti: bisogna dirlo, nel prepartita sulle radio e tuitte e i social era un florilegio di coloriti insulti al francese che non faceva giocare Paredes. Rudi ha vinto nun ce so cazzi, ce dovete sta.

Garcia, il condottiero

7 febbraio 2015

Noi diamo sempre il meglio, il destino di questa Roma non è solo quello di essere un club che ogni anno lotta per lo scudetto, ma vogliamo anche che la Roma del futuro lotti in Europa per vincere. Questo non si fa in un giorno, la cosa che mi anima è dare orgoglio a città e tifosi. Di scudetti ne hanno vinti pochi, vogliamo che questa città sia padrona anche in Europa.

IMG_6499

Ibarbo è rotto, Strootman è rotto e pure io non mi sento tanto bene/Siri aiutami tu

5 febbraio 2015

A chi si sta facendo le polpette pippette per Leo castagne Castan inserito nella lista Europa league ricordo che strozzo Strootman fu Inserito in quella per la Champions.

Genoa-Roma: pubblicati i motivi dell’accoglimento del ricorso contro la squalifica di Holebas

5 febbraio 2015

Con un comunicato apparso sul sito figc.it, la Corte Sportiva d’Appello ha pubblicato le motivazioni dell’accoglimento del ricorso della Roma contro la squalifica di José Holebas:

Mandare a fanculo un genoano non è reato.

Roma Forentina 0-2 65′ e 90′ Gomez

4 febbraio 2015

Skorupski 5 – liscio da brividi al 15′, indice di un disagio, un disagio nei piedi quadrati da polacco con fisico da spaccalegna norvegese;
Maicon 4 – sul gol, Pasqual je gira intorno tre volte, se allaccia lo scarpino, prende la mira e lui sta ancora a pagà er conto della birra allo zozzone vicino ar ponte;
Manolas 5 – Gomez se lo perde sempre manco se fosse giocato la vittoria della Viola. Secondo me, alle elezioni greche ha votato per quell’artri, i perdenti;
Astori 4,5 – nun je do 4 perché Maicon è stato troppo più scarso, poi quando sei pippa nun te poi permette de esse pure nervoso;
Cole 5,5 – alle 13º si ritrova improvvisamente da solo in area di rigore, ma preferisce scivolare per evitare la responsabilità di dovere tirare in porta. Al 17 si invola in contropiede e apre una bella azione che Ljajic conclude fuori. Ma la sufficienza nun gliela do, stronzo;
Paredes 5 – senza personalità;
Keita 5,5 – cerca di guidare sta massa di ricchi ripuliti ma scommetto che si trovava meglio con gli zotici del Mali amici suoi;
Nainggolan 4,5 – Al quinto inizia il tirassegno verso la porta viola. Quando non spara in curva si inventa anche un assist come quando ha trovato Florenzi nel cuore dell’area di rigore. Poi ricomincia a sparambiare in curva, nord o sud non fa differenza, se non fosse che poi quelli seduti in curva sud se incazzano e gli chiedono le scuse ufficiali a prima partita;
Florenzi 5,5 – lui è la cosa piu brutta della partita. Non perché sia stato peggio degli altri. Su assist del Ninja mette fuori da buona posizione. Al 29 spara addosso a Cole e impegna il signor T. La cosa grave è che ormai manco rientra: nun je va o non ce la fa? La risposta a questa domanda è la risposta alla crisi della Roma;
Totti 5 – assente ingiustificato;
Ljajic 5,5 – Bello spunto al settimo, poi un bel tiro, poi sparisce un’ora, poi riappare e scompare di nuovo;
Verde sv – ha un sederone tutto brutto che pare un pannolone;
Pjanic 5 – male eh;
Garcia 4 – secondo me ti hanno preso le misure e non sei riuscito a studiare un piano B. Non riusciamo a battere le rimesse laterali. È un indice. Un indice di una squadra ferma che ha persobsicurezze e fiducia nella guida tecnica. Garcia è come l’idolo d’oro che, una volta toccato, si rivela di umile ferro;

Tatarusanu 6 – je ronzamo ntorno come le mosche alla cacca, ma non è che facciano molto di più che annusare;
Tomovic 5.5- riesce nell’impresa di soffrire Cole, l’uomo che ha patito la “verve” di Raimondi;
Savic 7 – sicuro al centro, come la dc, Mattarella viola?
Basanta 5 – riesce a soffrire un Totti quasi immobile;
Joaquin 6,5 – vive un ottimo momento, sembra il più vivo della viola, certo più vivo di dieci undicesimi della Roma;
Badelj 7 – movimento e qualità del passaggio;
Pizarro 5,5 – non riesce a prendere in mano la squadra, non si vede mai, nel primo tempo sta in campo a prende acqua;
Borja Valero 5,5 – gira a largo, ma tanto al largo;
Pasqual 7,5 – se pappa Maicon che è un pasto completo, oltretutto aromatizzato alla vodka. Praticamente nu babà;
Diamanti 6 – molto falloso ma almeno superarlo è tosto per tutti;
Gomez 7 – batte due colpi e ce stende. Da un mese a questa parte segna solo contro di noi. Hashtag mavaffanculo;
Ilicic, Mati e Babacar sv
Montella 6 – spezza l’incantesimo senza merito alcuno.

Dibattito sulle dimensioni di Ibarbo

4 febbraio 2015
IMG_6025

“lei deve sapere che il numero di maglia…”

Meno male, l’appendicite ce l’ha avuta

4 febbraio 2015

Ibarbo, pensavo peggio quanto a infortuni.

i barbo

Questo, in conferenza stampa, ha raccontato come la cosa più naturale del mondo che ogni settimana si reca a Barcellona da uno specialista per farsi controllare il tendine rotuleo. Riflettiamo

Roma-Empoli 1-1 39′ Maccarone, 49′ Maicon

1 febbraio 2015

De Sanctis sv – altra partita da spettatore, altra partita piena solo di rilanci dal fondocampo;
Maicon 6 – sembra voglioso, inizia con una bella diagonale su Pucciarelli arrembante. Molto presente a livello offensivo, è grave l’errore nell’episodio che ha deciso la partita: l’espulsione di Manolas. Sale male e tiene in gioco Pucciarelli. Segna e finalmente vedo qualcuno che sbraita per recuperare il pallone e rincominciare subito la partita, un tentativo di ribadire una leadership fortemente indebolita;
Manolas 5,5 – poraccio, abbocca al trucco di Saponara, facendo un fallo pressoché inutile: sempre meglio far tirare l’attaccante piuttosto che cercare di intervenire e rischiare l’espulsione. Poco prima aveva compiuto un intervento difensivo determinante;
Yanga-Mbiwa 6 – difende bene la porta, sembra l’unico a ricordarsene;
Holebas 5,5 – al 23′ pt bella diagonale. Al 23ºst, evidentemente il suo minuto, fa uno spettacolare Coast to Coast che non pareva Holebas ma Micheal Jordan, ma ha ricordato Holebas quando ha sprecato tutto con tiro di destro ribattuto. È colpa di Destro. Uno dei pochi che sembra fisicamente strapotente e lui la contestata preparazione estiva non l’ha fatta essendo arrivato l’ultimo giorno del calciomercato;
Keita 6,5 – su Wikipedia alla parola felpato c’è scritto Keita. È di gran lunga quello con la corsa più fluida ed efficace, direi veloce per far capire come sono lenti i compagni e l’unico tra quelli in maglia rossa avvincere i contrasti con quelli in maglia blu, rafforza la mia convinzione che durante le pausa natalizia si è fatto un richiamo di preparazione che la squadra abbia le gambe pesanti. Famo finta che sia vero;
Nainggolan 6,5 – va bene che sei l’unico che ci prova sempre da fuori area, ma a)cerca de pijà non dico la porta ma armeno er portiere avversario e poi b)visto che non la pij a ‘ncerto punto comincia a pensà che la stai a fa fori dar vasetto. Se riuscisse a fare i cambi di gioco al volo come ha provato a fare un paio di volte non sarebbe Nainggolan ma Totti con la cresta. Prende una ammonizione che neanche sui campi dell’interregionale ho visto. In confusione, pensa che l’arbitro abbia fischiato la fine e invece era solo un calesse. In soldoni, primo tempo male male. Come la Roma. Secondo tempo benino, un po’ meglio della Roma, a dire il vero. Quindi, per sapere cosa non va, bisogna chiedere a lui;
Pjanic 5,5 – Forse gli pesa il soprannome di piccolo principe. De esse er cocco de Totti. Da oggi potrei chiamarlo piccolo stronzo. Dopo che ho scritto questa cosa si è inventato l’assist dell’uno a uno, però non basta, non basta Mira;
Iturbe 6 – al 20′ l’infortunio, segno di una maledizione su questa Roma, non voglio piagne che era stato il migliore, però sembrava il più vivo;
Totti 5 – malino: nella corsa, nei passaggi (pochi in totale), nessuna scintilla e nessuna presenza in area di rigore;
Ljajic 6 – ce la mette tutta, è l’unico che salta l’uomo, ma nun tira manco lui. Anzi, noto spesso momenti di stizza suoi versi i compagni che non gliela passano, e dei compagni verso di lui quando è Adem a non passarla. Lui almeno fa il 96% dei passaggi riusciti, mica nespole;
Florenzi 6 – spreca un’occasione clamorosa perché prende la tangenziale per controllare un pallone;
Astori 5 – prende una traversa su calcio d’angolo. Sembra avere un conto aperto con l’arbitro Russo. Nervoso, forse ha capito che presto dovrà spiegare alla fidanzata che toccà tornà a Cagliari;
Verde sv – ennesimo segnale del francese che il mercato è stato fatto a cazzo?;
Garcia 5,5 – Ha fatto conferenza stampa usando l’# della società. L’unico segnale positivo è che facciamo meno difficoltà a battere le rimesse laterali… Ecco come stamo. Però nun te poi presentà dopo il quarto pareggio a esaltà la reazione. Della reazione non ci sarebbe bisogno se non si andasse sotto regolarmente;

Sepe 6 – nun tiramo mai, nun se la raccontamo;
Hysaj 6,5 – un muro su cui Holebas sbatte e sgrugna ma nun passa mai;
Rugani 7 – bello è bello, se c’era Destro se lo pappava;
Barba 6 – qualche sbavatura;
Mario Rui 7,5- fa una scena indigna quando recita sul contatto con Pjanic, fanno ride quelli che si rotolano per terra un quarto d’ora poi, quando l’arbitro ferma il gioco, saltano in piedi a protestare. Dopo un minuto fa salvataggio spettacolare Florenzi, schiaccia Maicon, spesso sta pure al centro;
Vecino 6,5 – fluido e veloce, punge e picchia;
Valdifiori 6,5 – al 26 meraviglioso assist per Maccarone. Vince il confronto del fosforo con Pjanic;
Croce 6,5 – tecnico e tenace, prende un’ammonizione surreale per una pallonata in faccia. Giusto per dire quanto è incapace l’arbitro Russo;
Saponara 5,5 – va a due allora proprio come tutto il Milan. Procura il rigore. Il suo composto dissenso per un’ingiustizia dovrebbe essere d’esempio;
Maccarone 5,5 – se vede sul dischetto;
Pucciarelli 6,5 – bello spunto all’8′ su cui Mapou fa quasi rigore. Nel secondo tempo fa una scena indegna quando Mapou gli toglie palla e lui se rotola come se gli avessero tolto il dente del giudizio senza anestesia. Ma è bravo, salta spesso l’omo anche se i nostri sono per lo più birilli;
Zelinsky sv – fa rigore, Russo vaffanculo;
Mchedlidze sv – si impegna;
Signorelli sv – quando entra Compagnoni sentenzia: “Mezza serie B su Signorelli”. Capito co chi abbiamo pareggiato;
Sarri 6,5 – alla fine espellono anche lui. Certo che soglie dalla roba bona perché questi dopo 100 calcio correvano appressavano come forsennati.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.881 follower