Basta, vi prego, domande su Totti – Bojan in conferenza stampa

Conferenza stampa di Bojan Krkic. Ecco un estratto delle domande e delle risposte che maggiormente mi hanno colpito.

Quanto puoi crescere e quanto stai crescendo in questa Roma?
“Spero di crescere insieme alla squadra. C’è la possibilità, per me e la squadra, di fare una bella stagione. E’ un bel progetto. Il mio obiettivo è quello di crescere come giocatore e dimostrare di essere un calciatore importante”.

Dopo la vittoria con il Novara quanto può fare questa squadra? Quali obiettivi ha?
“Io credo che la squadra farà bene, molto bene. Quando si perde non si devono fare drammi e quando si vince non si deve parlare di scudetto. E’ iniziato un processo: dobbiamo restare tranquilli e avere fiducia perchè credo che questa squadra abbia una grande prospettiva davanti”. (Ma che domanda è? Nel senso, a Novara o vinci, o vinci, so’ terz’ultimi! Se sei la Roma e non batti il Novara abbiamo dei grossi problemi, ndcdc).

Se avessi davanti Guardiola cosa gli diresti?
“Sono un giocatore della Roma. Voglio parlare solo di questo e non di Guardiola o del Barcellona”.

Cosa pensi del calcio italiano, è come te lo aspettavi?
“E’ diverso, è evidente, è un calcio più tattico, diverso da quello spagnolo, inglese… però è un calcio che mi piace, mi piace stare in Italia e a Roma”.

Il fatto che entri dalla panchina e fai bene può diventare un’etichetta che ti limita?
“A Barcellona non è mai stato così, qui è successo. Ma se fossi stato quel tipo di giocatore non credo che sarei arrivato alla Roma”.

Tu che conosci bene il calcio che si gioca a Barcellona, secondo te si può fare solo in Spagna o è attuabile anche qui a Roma?
“Credo sia un errore paragonarci al Barcellona o a qualsiasi altra squadra. Noi siamo la Roma. Abbiamo il nostro stile, cerchiamo di riflettere la filosofia del nostro allenatore. Cerchiamo la nostra strada e vogliamo arrivare il più in alto possibile”.

La passione dei tifosi della Roma è nota. Ti aspettavi tanta maturità anche quando i risultati stentavano ad arrivare?
“Mi sento un privilegiato di giocare qui, in una squadra con questa tifoseria. Non avevmo mai vissuto nulla di simile. E’ una tifoseria che mi dà tanta forza. E’ normale che quando le cose non vanno ci siano dei malumori, ma anche nei momenti difficili questa tifoseria non ha mai fatto mancare il suo sostegno alla squadra”.

Totti: è a tutti gli effetti l’elemeno leader? Ed è al centro del progetto tecnico?
“Totti è un giocatore chiave per questo progetto e questa squadra dentro e fuori dal campo. Con Francesco vicino miglioriamo tutti”.

Ho notato una straordinaria maturità del ragazzo, un equilibrio, vorrei dire, quasi catalano nel modo di porsi con la stampa, cortese, equilibrato ma fermo. Gli sono state poste tre domande su Guardiola e a tutte e tre ha risposto che non risponde, due sul Barcellona, e non ha risposto.

Però, basta con queste domande su Totti tanto per farsi telefonare il titolo del giorno dopo! Già me li immagino domani Bojan: Totti è il nostro leader. Totti al centro del progetto. Che palle! Ma che domanda è? Ma cosa deve rispondervi ‘sto ragazzo?

Vi prego, parliamo di Ilary

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...