Top ten dei colpi del mercato invernale 2012

1-Candreva alla Lazio. Dopo essere andato fino a Mosca, con Tare a fare da traduttore, per comprare una moto giapponese, Lotito acquista un calciatore che ha cambiato sei squadre in tre anni e mezzo senza mai riuscire a giocare in quella dei suoi sogni e con i calciatori che lo ispirano: la Roma, Totti e DeRossi. Soprattutto, Lotito doveva rinforzare la rosa di Reja, impegnato su tre fronti, ma ha ceduto Sculli e Cisse e ha preso uno solo Candreva e l’oggetto misterioso Alfaro.

2-Tevez al Milan. Per eludere la sorveglianza dello sceicco, l’attaccante argentino si è camuffato da Muntari per giocare con Ibra, scegliendo il prestigio invece dei soldi. Bravo, clap clap.

Donne, si vede il marsupio?

3-Ebagua al Catania. Magari nun gioca 90 minuti interi da qui a maggio, ma questo ragazzone ha qualità e se Montella decide di inserire un’alternativa all’attacco dei piccoletti composto da Gomez-Bergessio-Barrientos… Chissà. Grosso, è grosso, Melissa Satta ed Elisabetta Canalis già sono pronte al viaggio della speranza fino a Catania per vederlo giocare dal vivo.

4-Guarin all’Inter. Dopo essere stato inseguito dallo scorso luglio da mezza Europa e mezza Serie A, Branca lo strappa  a tutti con un colpo di coda. Ma il colombiano è rotto per un altro mese e comunque non potrà giocare in Champions. Geni! Ma chi la scrive la sceneggiatura delle campagne acquisti interiste? Woody Allen?

5-Padoin alla Juve. Dopo aver intontito tutti guardando prima a Guarin, poi Pizarro, poi Naingollan, Marotta fa un assist no look a Conte e prende l’oscuro centrocampista che manco Colantuono sapeva di avere in rosa. No, dai è un buon giocatore ma forse serviva altro… No?

6-Amauri alla Fiorentina. Lo scorso anno, arrivò a gennaio al Parma, e lo salvò. Probabilmente ripeterà l’impresa a Firenze. Salvali!

7-Mariga, Jonathan, Lofquist, Yao, Galimberti, Mella, Monachella e Crisetig, al Parma, Livaja e Obi all’Inter. Giro di prestiti e comproprietà tra Inter e Parma per scambiarsi una coscia di Jonathan e il pube di Obi. Una roba degna del Commendatore Borlotti della Longobarda: «Sono riuscito ad avere i tre quarti di Gentile e i sette ottavi di Collovati, più la metà di Mike Bongiorno. In conclusione, noi abbiamo ottenuto la comproprietà di Maradona in cambio di Falchetti e Mengoni».

8-Pinilla al Cagliari. Noioso Ciellino: aveva bisogno di un centravanti e ha preso un centravanti: che palle.

9-Mascara al Novara. In Piemonte rifanno l’attacco con una logica: il lungagnone Caracciolo e il piccoletto fantasioso Mascara ma poi rovinano tutto cacciando Tesser e prendendo Mondonico.

10- Miglionico al Lecce. Fedele al motto di ripetere in continuazione ionico-ionico-ionico e vedere cosa esce fuori, il Lecce ci prova rinforzando la difesa più perforata della Serie A prendendo uno che non giocava a Livorno. Provate a ripetere in continuazione Miglionico MiglionicoMiglionicoMiglionico. Capito sì?!?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...