Roma-Inter quasi manita (4-0)

Stekelenburg 6 – è l’unico che non si diverte. Unico intervento degno di nota su un tiro centrale di Milito;
Taddei 7 – trasforma la formica nagatomica in un foruncolo spremuto;
Juan 7 – segna ancora, cancella Pazzini e Milito;
Heinze 6 – il lavoro lo fa tutto Juan, Gabriel si concede una settimana di riposo:
Angel 6.5 – teme Maicon quindi centellina le sgroppate in avanti ma non deve sgroppare troppo indietro perché Mai-con mantiene quello che promette;
Gago 7,5 – guida l’attacco del pressing coltello tra i denti e benda sull’occhio, l’Inter è un galeone appesantito dall’oro preda dei pirati di Capitan Luigi Enrico;
Simplicio sv – entra per partecipare alla festa, perde tre palloni. Capito la differenza?
De Rossi 7 – la notizia della firma allieta ulteriormente la domenica giallorossa. Ora sono da conoscere i dettagli. Per quanto riguarda il calcio giocato, gara esemplare, più dietro che davanti ma quello serviva;
Pjanic 8 – entra nell’azione del primo gol; poi sforna in assist al bacio per Borini, ed è il raddoppio. Poi, come nostro Signore dopo aver creato il mondo, riposa;
Borini 8 – due gol, tagli che affettano la difesa nerazzurra, pressing costante. Gara esemplare del luisenrichismo;
Pescitelli sv – orfano inconsolabile di Borriello si è tagliato i capelli portando al barbiere una foto autografata dell’ormai juventino alla presentazione a Torino;
Totti 7,5 – gara di ricami e rintocchi di un passato in cui mostrava quattro dita agli avversari;
Lamela 7 – qualche assolo pieno di sfrontatezza argentina come come quella grazie a cui sfoggia uno scoiattolo morto in testa;
Bojan K 6,5 – entra e fa un gran gol ma quelli dell’Inter erano già sotto la doccia;
Luis Enrique 7 – la squadra torna ad esprimere tutte le sue potenzialità, tecniche e tattiche;

Julio Cesar 6,5 – ne piglia 4, para poco, pensa solo a parà er culo;
Maicon 4 – nullo, si fa fermare da Jose Angel che quest’anno non ha fermato manco Pisano del Cagliari;
Faraoni 5 – entra e, da bravo lazziale, si lascia prendere a pizze da mezza Roma;
Lucio 4 – Borini, Lamela e Bojan lo irridono irrispettosamente;
Samuel 4 – Borini lo sfotte;
Cordoba 4 – entrato lui, il risultato non cambia;
Nagatomo 4,5 – soffre il freddo: poraccio, Nagatomico si trasforma in Catatonico;
Zanetti 4,5 – per la prima volta da quando è in Italia lo ho visto demotivato e annichilito;
Palombo 4,5 – ah be’ meno male che è arrivato dalla Serie B per vincere la Champions con l’Inter;
Cambiasso 4,5 – Totti gli danza il tango sulla pelata;
Obi 4,5 – si notano delle treccine in campo ma non se ne capisce l’utilità;
Pazzini 4 – scena muta;
Poli 4 – lascia intravedere delle potenzialità degne di uno che l’anno scorso è retrocesso, insieme al pesce lesso di cui sopra;
Milito 6 – è l’unico dell’Inter che sembra abbia voglia di pungere per meritarsi la serata all’Art Café;
Ranieri 5 – non poteva fare molto di più con Alvarez, Sneijder e Guarin rotti. Certo che le sostituzioni difensive a fine primo tempo sono state davvero utili, evita la manita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...