The Totti Party/Genoa-Roma 2-4

Frey 5,5 – durante la pausa devono avergli chiuso il frigorifero con una catena oppure portato, drogato come PE Baracus del’A-Team un un centro Messegue. È bello tirato a lucido ma nun se move de pezza su nessuno dei tre gol della Roma. Forse, come coloro che hanno perso un arto, lui ha ancora una memoria genetica della panza che lo lascia impalato al centro della porta;
Granqvist 5 – comincia che pare Beckenbauer, finisce che sembra… Grandvist Bovo 5 – non si vede mai. Forse è per questo che De Canio ne prende 4. Se iniziasse provando a difendere?
Canini 5,5 – lui è l’ultimo a completare la sua metamorfosi da Costacurta a Canini;
Moretti 4,5 – no, dai, sembra uno scherzo: si è fatto arare da Piris… Che notte!
Jankovic 6 – gioca solo de acrobazia. Ne piazza due nell’azione del gol, poi entra in letargo;
Seymour 5,5 – Il padre Seymour Hoffman lo ha disconosciuto quindi lui ha diritto a mezzo cognome;
Kucka 5,5 – gioca i primi 20 minuti che sembra Schweinsteiger, il resto da… Kucka;
Antonelli 5,5 – eccone un altro: sembra Dani Alves allo specchio, cuce anche l’assist a Jankovic. Poi scompare. Non è nemmeno Antonelli;
Jorquera 5 – l’unico che anche nel momento di massimo sforzo del Genoa non impressiona;
Borriello 5,5 – tutti si aspettano il gol, lui piazza un assist, poi ci fa giocare 11 contro dieci. Credo che quelli di Borriello siano i soldi meglio spesi di questo inizio campionato. A parte quelli per il parrucchiere… Perché il parrucchiere di Borriello lo paghiamo noi;
Immobile 5- davanti al Maestro non tocca palla: gratitudine?
Bertolacci 4 – non tocca palla e si fa anche ammonire ma i compagni di squadra erano usciti da un pezzo di squadra;
Melazzi sv
De Canio 4,5 – a un certo punto si sente Mourinho e mette solo punte, bruciandosi le sostituzioni e lasciando la squadra in 10, dimostrando di essere solo De Canio;

Stekelenburg 6,5 – incolpevole sui gol, evita il tracollo con due super interventi. Uno dei tre punti è suo;
Piris 6,5 – inizia da Antonelli e finisce da Dani Alves. In più, difende;
Marquinhos 6 – prende delle belle legnate per i suoi diciotto anni ma poi si lascia guidare da Castan;
Castan 7 – all’inizio guarda sconsolato il buco davanti a lui pensando di non poter chiudere con un cappello lo squarcio aperto nel Titanic. Poi suona la carica con un affondo che apre le speranze giallorosse ricordando che la cifra di questa squadra è l’attacco, mica la difesa, quindi attacca, sostiene i compagni e ad alcuni cambia anche il pannolino;
Balzaretti 4 – con il greco, è l’unico che non si riprende ma almeno corre, a vuoto e senza senso, ma corre;
De Rossi 7 – primo tempo in cui non capisce dove cazzo deve stare. Un disastro, sembrava uno capitato per caso a Marassi, trascinato a forza per metterne dentro 11 mentre era da Better a scommettere sulla vittoria del Genoa e l’esonero di Zeman. Poi capisce: gambe in spalla decide di fare il suo è pure quello del compagno greco. Allora cambia tutto;
Tachtsidis 2 – apre il contropiede genoano del primo gol con il quarto appoggio spagliato in 10 minuti. Non copre, non passa, non fa nemmeno battute divertenti. Secondo me Bersani lo ingaggia e lo lancia dentro il pullman di Renzi a fa’ casino;
Florenzi 6,5 – come la tocca corta Florenzi… A bocce deve essere il più ambito;
Lamela 7,5 – il più continuo: anche quando le maglie blu e rosse sono dappertutto lui è l’unico a giocare e a credere. Bravo. Ora non ti sputtanare il credito guadagnato con qualche altra busta de piscio tirata verso la porta avversaria;
Osvaldo 7,5 – questo segna solo per far vedere le magliette scritte col pennarello blu. Continua a volere sempre la palla sui piedi, ma se purga così…
Totti 8 – una luce a Marassi. È lui il vero regista della squadra. Gioca a tutto campo. Chi ha assistito dalle tribune ha partecipato a un Incontro ravvicinato del Totti tipo. Benvenuti a Zemanlandia? Per ora è Tottitology, l’unica religione che riconosco;
Pjanic sv – entra per palleggiare sui resti del Genoa;
Bradley sv – entra per fare possesso.
Zeman 6,5 – ride amaro il primo quarto d’ora. Poi ride de gusto che manco a Santo Stefano col cinepanettone. Sì, perché dopo 6 mesi a Roma per riprendersi ci vuole un Natale in Sudafrica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...