Lazio-Fiorentina 0-2/Lezioni di volo a tecnico crocerossino

Marchetti 5,5 – evidentemente, al cinema, quando la signora con la pettinatura alla Marge Simpson gli si piazza di fronte, lui fa un saltino a sinistra e si ritrova sui gradini. Cattive abitudini;
Pereirinha 5 – non difende e non offende. Utile come un buco di culo sul gomito;
Cana 5 – ha il passaggetto a sinistro più bello della seria A. Punto;
Dias 5 – prova un paio di mosse wrestling su Gonzalo. Non lo schiena per un pelo;
Radu 5,5 – sarebbe anche il migliore della retroguardia di Petkovic se non fosse che Cuadrado lo usa come leva per sollevare il mondo. Ha un diverbio con Dias sui metodi per garrotare Gonzalo;
Gonzalez 6 – onesto portatore d’acqua in una squadra alla frutta e che ha evidentemente mangiato molto salato;
Ledesma 6 – recupera palloni, per il resto si guarda il tiki taka della Viola;
Hernanes 5 – si imbottiglia nel traffico del raccordo, non ne esce mai vivo e con la palla al piede;
Lulic 6,5 – le uniche iniziative della Lazio. Le uniche. Sono sue;
Ederson 4 – completamente avulso dalla manovra, arriva sempre un attimo prima o un attimo dopo;
Floccari 4 – assente per tutta la gara, gli capita sui piedi il pallone buono per riaprire la partita. Ma figurete se ha segnato;
Onazi 6 – vivo;
Kozak 5 – ogni volta che la palla transitava per i suoi piedi era palla per gli avversari;
Petkovic 5 – niente magie Petko. E ora hai solo 3 punti più della Roma. Alla faccia del mago;

Viviano 6,5 – si fa trovare pronto quando serve. Non gli capitava da un po’
Tomovic 6 – ammazza quanto è brutto. Potrebbe fare il cattivo in Die Hard 6;
Gonzalo 7 – la passa, la stoppa, la rinvia di testa e di piede. Non ne sbaglia una. Porca paletta pareva Annoni;
Savic 6,5 – dalla sua parte non si è passato. Mai. Manco una volta;
Migliaccio 6,5 – scudo stellare;
Cuadrado 6,5 – gioca tre palle ma spacca;
Pizarro 6,5 – torna a piroettare sul suo palcoscenico preferito. Lo fa con una perizia appena appena offuscata dal peso eccessivo dell’adipe sotto al mento;
Borja Valero 8 – che giocatore! È una delle più grosse cantonate che ho preso in vita mia. Centrocampista completo, recupera palla, imposta, sta sempre 5 secondi avanti agli altri, aiuto costante a tutti i compagni. È il bosone di Higgs che tiene insieme la Viola. E forse l’universo tutto;
Pasqual 6 – di tutti i viola è quello che ha rotto meno i coglioni a Petkovic;
Ljijic 7 – uno spartito un po’ ripetitivo: affondo da sinistra cercando il tiro di destro. Poi quando finalmente gli danno 9 metri e 15 di spazio, complice Marchetti, la imbusta;
Jovetic 7 – preziosi tocchi in ogni settori di gioco. Poi te lo ritrovi al limite dell’area di rigore piazzare una palla, lenta lenta in buca d’angolo. Praticamente è Lo Scuro;
Llama 5 – sparecchia palloni in curva, tant’è che l’Aeroplanino in panchina si chiede se abbia correttamente svolto il riscaldamento prima di entrare;
Romulo e Sissoko sv – assaggiano la pioggia romana;
Montella 6,5 – vorrei andare controtendenza ma, sebbene abbia controllato la partita, le occasioni più nitide le ha avute la Lazzie;

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...