Roma-Lazio 2-0 (63′ Balzaretti, 94′ Ljajic)/’na birra e du’ pizze

De Sanctis 6 – vai a spiegà in una pagella che con le mani non ha toccato palla e l’ha soprattutto rinviata di piede. A un certo punto se gira verso la Nord e chiede perché esultano al gol di Giuseppe Rossi all’Atalanta. “Mo se so appassionati pure ar viola sti lazziesi” dice a Maicon;
Maicon 7,5 – parte diesel. Il primo tempo sembra preoccupato degli spifferi d’aria di Cavanda che lascia spesso la porta aperta pe’ cercà de fa uscì un po’ de fango dalla nord. Nel secondo si ambiente bene con il clima posh che si respira sotto la Monte Mario, si fomenta e diventa determinante. A un certo punto lo vediamo con la schiuma della birra alla bocca che rincorre chiunque in qualsiasi zona del campo;
Benatia 7 – ricordate la Cosa de I Fantastici 4? Be Mehdi me la ricorda. Fortissimo fisicamente, prende a pernacchie nonno Klose, gli canta pure la ninna nanna della buonanotte;
Castan 7,5 – ve li ricordate Augenthaler e Buchwald ai Mondiali di Italia 90? Quella linea difensiva che doveva toccare la palla almeno una volta prima di passarla in verticale? Be lui e Benatia sono così, se la saranno passata duecento volte. Poi il brasiliano è deputato e respingere i cross di Candreva, lo fa;
Balzaretti 7 – tutto nel gol. Fino a quel momento aveva subito Candreva, disposto probabilmente a concedergli la moglie pur di fiaccarlo. Poi i due minuti che tutti i tifosi si augurano cambino la sua stagione: prima il palo, poi il gol sulla meravigliosa palla del Capitano. Piange di gioia Balza, piange di gioia perché ha salvato le chiappe della moglie;
Pjanic 6,5 – è l’olio del motore giallorosso. Rende ogni manovra fluida e bella: spesso parte palla al piede e disegna sul campo linee pulite e poetiche;
De Rossi 8 – come ai tempi di Spalletti sta dando nuove sfumature all’espressione centrocampista difensivo. È uno degli attaccanti più pericolosi della Roma ma anche uno dei migliori difensori. Il salvataggio su Ederson, in area di rigore, entrando in scivolata e togliendo la palla di tacco, è uno di quei momenti definitivi: Daniele si è giocato tutto, come quelli veri, se manca la sfera è rigore ed espulsione. Quello vale un gol, Daniele ha vinto finalmente;
Strootman 7 – gliela passano continuamente e lui la prende e la appoggia a destra o a sinistra, il primo pallone lo perde dopo 43 minuti del primo tempo;
Gervinho 6,5 – corri Forrest corri! Quando va è imprendibile ma bisogna fa qualcosa a quei piedi perché tira come Riccardo Ferri che beccava sempre la sua porta;
Totti 7,5 – il primo tempo soffre l’albanese che gioca d’anticipo e puzza pure un po’. Nel secondo tempo, l’uomo più anziano in campo esce fuori e fa male. Confeziona il cross al bacio che riesce in un’impresa unica: far segnare Balzaretti, addormenta la partita poi quando gli sbiaditi ce cascano e cercano le caviglie li scherza con tocchetti smarcanti per questo o per quello. Quando Pjanic, Ljajic ed Er Capitano se mettono a triangolo a fa er torello, levateve che non la vedete più;
Florenzi 5,5 – nel primo tempo è la nota stonata della Roma, un paio di spunti ma Cavanda lo tiene bene;
Ljajic 7,5 – lo sapete che qui ci piace la mela e i Balcani ci sono invisi da quando nella Roma giocava un montenegrino in infradito però sto ragazzetto comincia a fare breccia nel mio cuore. Se ne va in serpentina che pare uno di quelli che all’oratorio devi fa giocà contro una squadra che ne schiera almeno due di più, perché non lo prendi e magari te entra nporta co’ tutta la palla, poi fa gol pure in sala stampa quando se spertica a parlà della squadra, che lui è contento solo quando la squadra vince, gioca o nun gioca. Mercoledì annamo a casa Delio Rossi, Adem fa parlare i piedi;
Taddei sv – quando me lo vedo che entra penso “porca paletta, Garcià ma che stai a scherzà?” però ho l’impressione che il francese sa esattamente quanto sangue può cavare dalle rape che Sabatini e Fenucci gli hanno messo in mano, così Rodrigo comincia a corre dietro e tutti i palloni der centrocampo che pare mi fija quando vo acchiappà i piccioni; a un certo punto prova pure a infilasse dentro l’area di rigore sbiadita perché Garcià j’ha detto che se lo ricorda a Lione nel 2007 quando prendeva per il culo Abidal. Ce manca poco che Rodrigo se scorda ‘sti sei anni che so passati;
Borriello sv – il significato di Garcià è tutto nel Clarke Gable partenope che entra in campo e se fa 40 metri de corsa forsennata per andà a pressà il portiere col cerchietto. Marchetta se spaventa e quasi gliela passa, a Marco, perché subisce er fascino del maschio alfa. Poi je prende sulla linea un colpo de testa che Borriello poteva pure indirizzà mejo. Se segnava scendevano giù tutte le showgirl da Milano per avvinghiarsi al baffetto del Clarke Gable partenopeo per i grande concorso chiappe d’oro;
Garcia 8 – tra la storia della chiesa e quella del messaggio a tuttii  tifosi della Roma “oggi mi sento uno di voi” io sono completamente soggiogato. Lo difenderò come lui ha difeso Osvaldo a Brunico: pure quando c’avrà torto.

Marchetti 7 – come la Canalis, je piace la branda d’ebano se è vero che intorno al minuto 53 bacia Ciani per un salvataggio e dà una carezza a Gervinho. Ne prende un po’ delle granate che je piovono addosso;
Cavanda 5,5 – c’ha Balzaretti e Florenzi e il primo tempo lo vedi sgargiulo che scende giù come se fosse rincorso da 13mila stronzi che je fanno bu-buuu. Me so sempre chiesto cosa pensano i neri della lazzie dei razzisti che gli ululano alle spalle. Chissà cosa je dicono ai colleghi e fratelli de pelle: questi se li guardano e con gli occhi glielo chiedono “Come potete sopportare tutto questo” anche se la cosa strana è perché a nessun giornalista è mai venuto in mente di chiederlo per primo. Immagino Cavanda che se guarda Gervinho, dopo che l’ivoriano ha cambiato fascia, e dice con gli occhi e le treccine “Devo campà. So’ stronzi nun ce pensà, giocamo”.
Ciani 5,5 – dopo che Marchetta se l’è pomiciato avemo segnato, poi è uscito per crampi. Me sembra buono, fatelo giocà sempre;
Cana 5,5 – er primo tempo sta sempre sull’anticipo, giocando sull’antica arte del suo popolo che pescà i portafogli dalle tasche dei malcapitati. Poi se spegne, perché uno scoglio non può arginare un mare giallorosso;
Konko 5,5 – ao, nun l’ho visto mai;
Ledesma 5,5 – era stanco e ha deciso di atterrare di ljajic per chiudere la partita e mandà a casa i suoi tifosi che stavano a panza piena con due pizze prese;
Candreva 6 – er primo tempo andava che era un treno. Sembrava una di quelle alette che 20 anni fa che andavano palla al piede. Poi se ricorda de esse Candreva e de esse della Roma, quindi se estrania dalla lotta;
Gonzalez 5 – solo nervi, pochi piedi. Va bene quando vinci, non va bene quando perdi;
Hernanes 4 – non s’è visto proprio. Forse è rimasto fori a prende ‘na biretta, in effetti comincia a fa na certa panza;
Lulic 5 – quando decide di giocare Maicon se lo porta in giro per il campo e je fa fa er giro panoramico dell’Olimpico
Klose 4 – invecchiato di colpo, sembra il nonno di Marchisio nello spot Sky;
Floccari 4 – come sta gonfio, ha più menti de me eppure io sto sulla piotta;
Ederson 5 – ha rischiato di pareggiare il derby e far venire un esaurimento nervoso a Balzaretti, ma De Rossi gli ruba la palla col tacco poi guarda la Nord e gli fa bu buuu;
Dias 2 – il mio nuovo eroe. Entra, fa quattro minuti, poi se fa caccia. Pure lui va a magnà co Floccari e se servono dallo stesso sarto visto che sembra in sovrappeso de 17 chili;
Petkovic 5 – piagne prima e piagne dopo perché ha capito che sta squadra non ne ha più. Ha solo l’essere squadra, Candreva e il contratto di Hernanes da rinnovare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...