Mr. President

È stato accolto male, preso per uno straccione o, da parte di chi gli voleva fare un complimento, uno che capisce (forse) di basket ma di calcio, figuratevi se un americano capisce di calcio. Certo, pure lui non ci ha aiutato. Prestanome (ve lo ricordate Di Benedetto che parla a Roma channel delle “nostre” tradizioni?). Poi il ristorante di Boston gestito dalle sorelle di Jim e i tuffi in piscina.
James Pallotta sarà anche tutto questo, ma certo non è uno sprovveduto e conosce gli uomini, sa come prenderli e portarli dalla sua parte. Uno che convince gente di successo, come lui, ad affidargli i propri soldi per fare ancora più soldi, uno così non può essere uno sprovveduto. Pallotta il suo impero l’ha costruito da solo, non gli è stato affidato un giocattolo di famiglia dal cugino intelligente e, a furor di curva, nominato presidente.
Oggi, mentre la bufera sulla tripletta di Rocchi infuriava, Pallotta ha lanciato un messaggio distensivo che va anche decrittato, non è un chinare la testa. Tradotto significa: non facciamoci fuorviare da polemiche inutili, chi in questo momento detiene il potere ha paura perché sa che stiamo arrivando, ci vede sempre più grandi e vicini nello specchietto retrovisore, è disperato perché siamo nella corsia del sorpasso e quel sorpasso non è ipotetico, non è un “tra cinque anni”, sta già avvenendo. Ed ha paura. La paura che li ha portati a occupare militarmente tutte le televisioni e a usare l’artiglieria pesante per respingere il sorpasso, un disperato tentativo di chiudere la corsia. Un tentativo di salvare il sistema di potere. Ricordate che Moggiopoli era anche controllo del media. Ma lo sanno che stiamo arrivando per privarli di tutto quello che costituisce le loro certezze, porteremo via loro tutto, libereremo anche qualche puttana e una lunga schiera di servi, come coloro che ieri hanno prestato le terga al sistema da cui suggono gli avanzi. Porteremo via loro tutto. Gli farà male. Molto male. Tenetevi la tripletta di Rocchi, io mi tengo er Sor Pallotta da Boston. Romani e romanisti, questo è il primo giorno del resto della nostra vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...