Quello che so di Szczsney

szczesnyQuello polacco è un buon portiere. Mi è capitato spesso di vederlo giocare, è forte, non è però molto più forte di De Sanctis anche se l’età parla per lui. Il problema di Szczsney è che è abbastanza fragile psicologicamente. Ha sempre un brutto momento in cui inanella tre o quattro papere consecutive.

Deve sentirsi coccolato e messo al centro del progetto. Ecco perché, se dovesse essere confermato il prestito secco, la formula mi lascia perplesso. Non vorrei pensasse di essere qui in vacanza.

Ecco cosa non mi piace di questa Roma: gli obiettivi societari non coincidono con quelli tecnici. Se i calciatori non sono al centro del progetto, si sentono provvisori o di vantaggio, difficilmente lotteranno fino all’ultima goccia di sudore per vincere. Ed è inutile coccolarli, fargli fare quello che cazzo gli pare durante l’anno. La gratitudine non c’è, basta vedere i casi Destro, Gervinho e Doumbia che sollevano problemi per essere ceduti. Ci vuole la società e il pugno duro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...