Le pagelle di Roma-Barcellona 1-1 (21′ Suarez, 31′ Florenzi): l’eurogol e la nonna

Szczesny 6,5 – due interventi mica male inframezzati da un duello personale con Suarez. Ora, fate vede a Wojcech lo sketch di Proietti sul cavaliere nero e poi spiegateje che a Suarez nun je devi cacà er cazzo (gol e dito rotto e a noi ce tocca per un mese De Sanctis);
Florenzi 10 – me lo immagino cosi:
-Ciao nonna;
-bello de casa, come è annata ‘a partitella;
-abbiamo pareggiato, ho fatto gol:
-bello de nonna, allora te faccio la lasagna;
– ho segnato da sessanta metri come Maradona alla squadra più forte del mondo e non ho fatto segnare Neymar, l’allenatore m’ha detto “Bravò”;
-allora bello te nonna te sei meritato pure la parmigiana, e te ce metto pure la mortazza. 
Manolas 7 – ferma tutto, meglio pure del muro della nazionale cubana di pallavolo. Pure de quella femminile, vista da dietro;
Rudiger 6,5 – alla faccia de un matto (da evitare o meglio da dribblare) che lo aveva giudicato dopo una partita senza neanche aver visto la partita (da sua ammissione, da vero amante del calcio, da vero italiano aggiungerei), si rende protagonista di 3 o 4 recuperi un po’ irruenti ma efficaci accompagnati da disimpegni di tutto rispetto. Poi entra in trance agonistica e al 57′ prova pure a uscì dall’area con una rouleta che quasi costa a lui la rotula e a noi una pericolosa ripartenza, a me l’infarto;
Digne 6 – limita le sgroppate che nun è aria, hanno invitato uno pericoloso dalle parti sue, Messi, mejo nasconne l’argenteria;
Keita 6 – sta appennicato tutta la partita, la guarda con un occhio solo, ogni tanto De Rossi je dà un calcio da sotto le coperte e je dice “ma che stai a dormì?” e lui “no ma che stai a scherzá sto solo a fa riposà l’occhi”. Poi all’83 se sveja dalla pennica e furoreggia a centrocampo cercando di strappare una palla a Messi, quasi litiga con Neymar e Iniesta, poi se lancia nell’area avversaria. Menomale che aveva riposato l’occhi;
De Rossi 7,5 – gara sontuosa a comandare il fortino giallorosso, seguendo Neymar e Messi che galleggiavano tra le linee. Al 17′ perde ‘na palla a centrocampo, ma poi chiude tempestivamente su Messi, recuperando al suo errore;
Nainggolan 5,5 – rincorre gli avversari come un cane al parco. Non li prende mai. Quando lo fa, azzoppa Rafinha. A sto punto, ammonito, capisce che nun po’ menà, se mette a giocà e sale di livello, nel primo tempo impegna Ter Stegen da fuori area;
Salah 6,5 – encomiabile: fa il terzino nel 6-3-1 di Garcia, ai rende protagonista di 5 o 6 allunghi in contropiede, in cui è talmente veloce che brucia avversari e compagni e si ritrova da solo contro la difesa blaugrana: Usain Salah;
Dzeko 6.5 – gara dura, tiene palla, di petto la mette sempre giu, qualche volta parte in dribbling, fa pure un tiro;
Iago Falque 6,5 – anche lui fa il terzino, la metà campo del Barcellona non la vede quasi mai;
De Sanctis 6,5 – entra tra gli applausi ma anche i dubbi di tanti. Subentra a Coso senza riscaldamento e si prende subito il carico di rinviare da fondo campo. E alla sua veneranda età, nun se strappa. Rispetto;
Iturbe 6 – pochi minuti ma entra ribaldo, senza paura e prova subito le sue famose serpentine;
Torosidis 5,5 – due legnate a Suarez ma se scorda Alba in zona recupero e meno male che c’ha pensato Manolas;
Garcia 6,5 – la chiamano organizzazione, me piace pensà che avemo ‘mparato a difende, un superpotere che ce tornerà utile;

Ter Stegen 5,5 – Florenzi t’ha punito, mo sta mpò più attento!
Sergi Roberto 7 – attaccante aggiunto, va giù sulla fascia liscio come un’amatriciana “l’amatriciana di Sergio E Roberto, locale gender”;
Piquè 6 – 7 al difensore ma visto che praticamente ha fatto il centrocampista famo media e je do 6;
Mathieu 6 – tempismo in difesa, sua l’apertura dello 0-1, così se mparamo a lasciallo sempre libero;
Alba 6,5 – ogni 6 o 7 minuti fa degli scatti pazzeschi nella nostra metà campo, con quelle gambe robuste e tozze, le mulina che pare Michael Johnson e affonda dietro la nostra linea. Menomale che non gli danno quasi mai la palla;
Rakitic 6 – dal vivo mi ha impressionato quanto è grosso. Nainggolan non lo prende mai;
Busquets 6 – solida regia, difensore aggiunto all’occorrenza, per una sera neanche si rissa:
Iniesta 6 – sottotono, si accende solo una volta e quasi quasi ce purga;
Messi 6,5 – non credo che nella mia vita sarò mai più così vicino a Leo come ieri sera seduto in Monte Mario. Dal vivo, c’è l’esatta percezione della velocità, dei cambi di direzione e del sinistro magico dell’argentino;
Suarez 6,5 La regola numero uno è: non fatevi mai beccare. Lui ce riesce: simula, mena e, nun ditelo alla nonna de Florenzi, bestemmia e lo stadio gli dà del figlio di puttana. Alla fine ce manca che l’arbitro je dà er bacetto della buonanotte;
Neymar 6 – Florenzi lo controlla bene, lui fa enormi giri poi torna sempre a imbottigliarsi sulla tangenziale all’ora di punta messa in piedi da Garcia;
Rafinha sv – entra per Rakitic, ma è abbattuto da Nainggolan;
Mascherano sv – fa rigore su Nainggolan, ma vabbè, che volevamo vince?
Luis Enrique 5,5 – reclama un rigore indecente, ha tirato su una brigata di figli de na mignotta, alla faccia dei discorsi da educanda che faceva a Roma. Comprate Osvaldo, va.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...