Mrs. Dzeko

Embed from Getty Images

Torno a scrivere dopo un po’ della mia Roma, incoraggiato da due bicchieri di vino. Abbiamo ceduto al Liverpool Alisson, forse il portiere più forte del mondo, sicuramente il più pagato. 

Ho ascoltato, esaltato, il nostro diesse Monchi ribadire alcuni concetti col suo accento spagnolo e, in parte, mi sono eccitato fisicamente: «Il ds deve capire in ogni momento cosa sia meglio per la società. E non conta solo l’aspetto sportivo ma anche quello economico. (…) Non è una mancanza di ambizione. L’ambizione è la stessa, se non di più. Abbiamo venduto due giocatori importanti, Nainggolan e Alisson, prendendo 10 giocatori, prima di altri. Continuiamo a lavorare per trovare calciatori per diventare una squadra importante. L’ambizione è fare le cose con la testa. Senza la testa diventi sprovveduto. Non voglio fare cose che mettano in difficoltà la Roma. Guardiamo un esempio recente di una squadra importante del Paese che è fallita, un esempio di una squadra fortissima che attualmente invece non può giocare in Europa. Sono arrivato qui per provare a fare la squadra più forte possibile per tanti anni, non solo per un anno. Sono convintissimo al 100% che la farò ma prima di arrivare al decimo piano bisogna scalare tutti i piani. Lo scorso anno avevamo venduto Salah, Rüdiger, Paredes e abbiamo poi fatto la migliore stagione degli ultimi 10 anni».

E io me esalto e penso “daje Monchi, ambiziosi ma con la testa”. 

Poi però rifletto un attimo e penso che a gennaio ci eravamo venduti Dzeko, che senza Dzeko non saremmo certo arrivati in semifinale di Champions League e che in effetti la passata stagioneè stata la migliore delle ultime giallorosse per QUELLA semifinale perché, sì, la Roma dopo il mercato estivo del 2017 effettivamente si è indebolita perché in campionato siamo passati da +1 sul Napoli e -4 dalla Juve a -14 dal Napoli e -18 dalla Juve e che quindi qualcosa non è andata per il verso giusto. 

E se mi sforzo un altro po’, si accende una luce nella mia testa che illumina quei mesi e mi ricordo che Dzeko è rimasto solo perché lo ha deciso sua moglie. 

Chissà, ma perché non famo fa ‘na settimana da diesse della Roma alla signora Dzeko? Ao, provamoce no? 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...